ELOHIM: Dio Padre, l’Abisso e gli Angeli Caduti

18,00

L’espressione EloHim, che sicuramente avrete già sentito,
proviene da Codice Arajat, che potremmo definire come la Lingua Originale.

Descrizione

“L’espressione EloHim, che sicuramente avrete già sentito, proviene da Codice Arajat, che potremmo definire come la Lingua Originale. Questa espressione è composta da due codici e la loro traduzione nella lingua corrente è: Dio Padre. EloHim ha due espressioni diverse, nel Buio e nel Cielo, pur essendo sempre Him. Nel Buio: EloHim esaudisce il Figlio che Esprime il Desiderio di Vedere la Forma di Oltre. Come sei? E Lui, quando hai l’espressione di un desiderio incondizionato, ti fa sentire chi sei, te lo mostra attraverso le forme. Questo desiderio non è espresso dal corpo fisico, anche se il corpo lo può rappresentare. Ricordatevi, infatti, che il corpo fisico di per sé non è autocosciente; esso è una terra, è un contenitore, che si completa solo con il Transiente che trasporta. Quando è dentro di lui, esso inizia a produrre conoscenza, ma prima di allora, è come un ruolo senza interprete. Può esistere, può vivere senza un Transiente ma è incompleto, e non produce conoscenza. Nel Cielo, si dice che: EloHim È, quando il Figlio Vede nel Buio il Grande Him. Il Figlio viene visto sia dal punto di vista del Cielo che del Buio. Il Mondo è Figlio, il Pianeta è Figlio, e anche le Anime Transienti. Guardando il Buio dal Cielo, ciò che si percepisce è l’immensità incommensurabile, infinita e assoluta di ciò che Lui È. Il Buio viene chiamato dal Cielo il Grande Him, l’Immenso, l’Incommensurabile, l’Imperscrutato.”

Informazioni aggiuntive

Peso 0.15 kg
Codice ISBN

ISBN-10: 8890907210, ISBN-13: 978-8890907210